BlogUncategorized

Earth Day – Come celebrare la Giornata della Terra mentre si è in viaggio

Giornata della Terra 2018 copertina YallaPeena

Earth Day – Come celebrare la Giornata della Terra mentre si è in viaggio

Cos’è la Giornata della Terra

Da quasi cinquant’anni, ogni 22 aprile si festeggia la Giornata della Terra. Fondata nel 1970 negli Stati Uniti dal senatore Gaylord Nelson, è poi diventato un evento mondiale dal 1990. Oggi partecipano ben 192 stati. Nel corso degli anni sono trattati vari temi tra cui il consumo di petrolio e l’inquinamento industriale, l’uso dei pesticidi, gli animali a rischio di estinzione, la perdita di territori naturali protetti. Il tema di quest’anno è “End Plastic Pollution“, ferma l’inquinamento da plastica.

Il problema del consumo spropositato di plastica e del suo inefficiente smaltimento sta diventando molto serio e pericoloso. Basti pensare che dal 2050 in mare ci sarà più plastica che pesci, infatti più di 8 tonnellate di plastica sono gettate in mare ogni anno, per un totale raggiunto oggi di 5 miliardi di tonnellate. Purtroppo anche il riciclaggio non è ancora davvero efficiente, poiché nel mondo ricicliamo poco più del 5% della plastica che produciamo. Tutto questo mette a rischio sia la fauna marina, sempre più spesso vittima innocente di questa inevitabile condanna, sia l’essere umano, consumatore di pesci pieni di plastica. Una delle maggiori preoccupazioni è quella delle “microplastiche“, particelle che arrivano anche alla grandezza del micron, residuo di porzioni più grandi che si disintegrano lentamente, senza però essere in grado di degradare naturalmente. Come se non bastasse ne produciamo anche una parte appositamente per prodotti di uso comune come dentifrici e scrub per la pelle. Purtroppo il Mar Mediterraneo non è per nulla estraneo a questa sciagura: solo qualche giorno fa, quasi per ironia, è stato trovato in spagna un capodoglio spiaggiato, morto per aver ingerito 30 chili di plastica.

insetto su fiore per Giornata della Terra macro YallaPeena

Come celebrare la Giornata della Terra

In Italia, come nel resto del mondo, sono stati organizzati numerosi eventi, di cui il più grande è probabilmente quello del Villaggio per la Terra, a Villa Borghese dal 21 al 25 Aprile. Si parlerà dei 17 obiettivi che le Nazioni Unite vogliono raggiungere per il 2030, scopri il programma qui.

È però possibile contribuire anche nel proprio piccolo, con azioni responsabili e sostenibili. Si può innanzitutto provare a seguire la Regola delle 5 R (Riduzione, Riuso, Riciclo, Raccolta, Recupero), ma anche costruire una casetta per gli uccelli o piantare un albero, che è il simbolo della Giornata della Terra fin dal principio. In Italia in particolare questo sta diventando un tema molto delicato, soprattutto dopo lo scioglimento del Corpo Forestale dello Stato e degli incendi che l’estate scorsa hanno devastato centinaia di ettari di bosco in molte regioni. Nuova questione è quella del Testo Unico Forestale, documento da poco approvato, che secondo molti esperti metterebbe severamente a rischio le nostre foreste, generando profitto solo per le società che producono biomassa. E’ in corso una petizione per cercare di mettere un freno a questa situazione.

foresta con nuvole Giornata della Terra YallaPeena

Mentre sei in viaggio

Se la prossima domenica sei in viaggio, puoi comunque celebrare la Giornata della Terra! Ecco dei semplici suggerimenti.

Porta con te una borraccia

Uno degli esempi più comuni quando si pensa allo spreco sono le bottiglie di plastica. Ce n’è davvero bisogno? Porta con te una borraccia e riempila quante volte vuoi, o un termos, se preferisci una bevanda calda. Recentemente si stanno diffondendo anche le tazze per portare via il cappuccino fatte per essere riutilizzate, così da evitare contenitori monouso che verranno buttati nel primo cestino dell’autostrada.

I 100 ml dell’aeroporto

Quanto è noioso dover trovare sempre i nostri prodotti da bagno preferiti in formato da viaggio? Battaglia comune, soprattutto quando hai i capelli ricci. E se invece travasassimo quei prodotti in contenitori appositi da riutilizzare per tutti i nostri viaggi? O ancora meglio, perché non trovare saponi solidi, che si consumano senza produrre alcuno scarto?

Airbnb è una svolta ecologica

Scegliere un appartamento piuttosto che una camera d’albergo può darti più libertà di scelta sul cosa mangiare e come mangiarlo, evitando imballaggi da asporto o posate di plastica, ma soprattutto ti permette uno smaltimento più responsabile, dato che potrai sempre fare la raccolta differenziata. Poi nella maggior parte dei casi è in generale la scelta più economica, dato che non sarai costretto a mangiare sempre fuori! Oggi Airbnb è la piattaforma con la maggior offerta di stanze e appartamenti, ed è davvero facile trovare un posto accogliente in ogni angolo di mondo! Se ancora non hai un account e vuoi iscriverti, fallo da qui e avrai 25€ di sconto sulla tua prima prenotazione 🙂

La borsa di tela è una cara amica

Porta sempre con te una borsa di tela, o uno di quegli zainetti ripiegabili che entrano in un pugno. Eviterai così di dover chiedere inutili buste di plastica che con molta probabilità si bucheranno prima che arrivi a casa.

Sii un tipo tecnologico

Dimmi che non sei ancora il tipo che si stampa il biglietto aereo! Oggi quasi tutte le compagnie aeree accettano il biglietto mostrato direttamente dal telefono, spesso si trova un codice QR o uno a barre, e risparmierai carta. Lo stesso vale per i libri: lo so, il profumo dei libri è il profumo dei libri, ma anche quello degli alberi in fiore non è poi così male, quindi prenditi un Kindle o scarica una app per leggere ebooks dal tablet. E risparmia anche un po’ di spazio nella tua valigia.

Un barattolo portatutto

Porta con te un barattolo di vetro o un contenitore che ti piace tanto, dove potrai mettere gli snack da mangiare in aereo o buttare qualcosa quando non ci sono secchi della spazzatura. Ti ricrederai presto su quanto possa essere utile!

Sciarpa e fazzoletto di stoffa

La sciarpa è forse l’accessorio più multifunzionale che esista: per i collo quando fuori è freddo, come borsa (quando ti scordi quella di tela!), come coperta nei voli dove sparano l’aria condizionata, come cuscino per i pisolini improvvisati. L’unico limite è l’inventiva. I fazzoletti di stoffa sono riutilizzabili, e sempre più soffici di quelli di carta.

Lascia la tua casa “a riposo” prima di partire

Prima di girare le chiavi nella porta controlla sempre di avere spento tutte le luci e staccato tutte le spine: apparecchi come la televisione o le lampade con interruttore continuano a consumare energia anche se apparentemente sono spenti. Se parti in inverno forse è meglio non spegnere del tutto il riscaldamento, per evitare tubi ghiacciati, ma abbassa la temperatura anche fino ai 10°C. Anche la bolletta sarà meno salata!

 

 

E non dimenticare: Every day is Earth Day!

ramo di abete close up Giornata della Terra YallaPeena

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *