Grecia

8 Cose da fare a Corfù (che i turisti non fanno)

corfu vido barca yallapeena cover

8 Cose da fare a Corfù (che i turisti non fanno)

 

Corfù è un’isola della Grecia di fronte all’Albania. Ha delle spiagge meravigliose, che siano sabbia, sassi o scogli, ha tutto. Il mare è cristallino, il sole non se ne va mai. Ma Corfù non è solo questo. Ha una storia ricchissima, che sembra uscire da un romanzo, c’è perfino una principessa. Ha delle radici profonde. Ha delle tradizioni che ancora persistono.

Vivere Corfù non è solo andare al mare. Qui sotto vogliamo proporvi 8 cose da fare nella prossima visita in questa bellissima isola. Non si tratta di storia (di quella ne parleremo più avanti), ma di cose che tutti i turisti non sanno. O non fanno. Ma che i viaggiatori apprezzeranno, sicuramente.

 

1. Assaporare la cucina tipica locale

Partendo dal fatto che la cucina greca in generale è una delle più buone che ci siano, i corfioti hanno anche delle ricette locali che difficilmente si trovano altrove. Sto parlando del Bourdeto, del Sofrito e della Pastitsada. Vi sembrano nomi vagamente italianeggianti? Questo perché Corfù è stata a lungo colonia veneziana, ed è anche per questo che come architettura differisce completamente dalle tipiche isole bianche e blu che vengono subito in mente quando si pensa alla Grecia. Ma non finisce qui.

Andiamo a fondo.

Il Bourdeto è un pesce (prevalentemente baccalà) cotto in salsa di pomodoro, arricchito con patate, cipolle e aglio.

Il Sofrito è uno spezzatino di manzo cotto nel vino e (tanto) aglio e prezzemolo, solitamente accompagnato da patate o riso.

La Pastitsada, è uno stufato di carne servito con la pasta.

Ci sono poi anche la Tzitzibira, conosciuta anche come Ginger Beer, che è di importazione inglese, ed è una bibita analcolica allo zenzero. Molto dolce e molto rinfrescante!

Il Mandolato, che è un torrone alla mandorla, molto simile a quelli italiani.

I Sicomaides, che sono delle schiacciate di pasta di fichi secchi, spesso avvolte in foglie di fico o vite.

Ed ultimo ma non meno importante, il Kumquat. Pianta proveniente dall’Oriente, ad oggi la coltivazione e produzione di Kumquat di Corfù è una delle più grandi in Europa, e si ottengono moltissimi prodotti. I più famosi, che si trovano quasi unicamente su quest’isola, sono il liquore, la marmellata e i frutti stessi glassati

2. Salire in cima al Pantokrator

Il Pantokrator è la montagna più alta di Corfù (non è che ce ne siano tante…!) e si trova a nord-est dell’isola. Si sale a 900 m di altitudine e proprio in cima c’è un monastero, in parte accessibile, che vi fa ammirare l’isola a 360 gradi. Una vista mozzafiato! A volte può capitare che troviate persone fuori dal monastero che vendono lucumi ai frutti e alla rosa. Provateli perché sono buonissimi!

3. Salire in cima alla Fortezza Vecchia (e anche quella nuova, perché no?)

Corfù città possiede due bellissime Fortezze. La più antica è quella che conteneva la Cittadella, la prima vera conglomerazione di case, che poi si è espansa verso l’interno dell’isola. Venne costruita intorno al VI secolo, passò in mano ai bizantini, ai veneziani, agli inglesi, ed ora ospita una scuola di musica.

La fortezza nuova, che risale al XVI secolo, venne in gran parte distrutta durante la seconda guerra mondiale. Ora si può talvolta assistere a mostre d’arte temporanee o eventi musicali. Dopo la fatica per raggiungere la cima ci si può però rinfrescare al bar con una Ztiztibira. 🙂 Vi consigliamo di andarci di sera, per vedere tutta la città dall’alto.

fortezza nuova corfu panoramica yallapeena

4. Perdersi per il Campiello

Il Campiello è il quartiere più antico di Corfù, dove ci si allontana dalle vie turistiche e si sperimenta la vera anima corfiota. Le strade possono sembrare tutte uguali, ma non esitate a perdervici dentro, per scoprire qualche bello scorcio o prospettive interessanti. Chiedete per la lanterna che non si ferma mai.

5. Girare la città all’alba

Soprattutto se visitate Corfù in estate, non c’è momento migliore dell’alba per apprezzare la città per quella che è davvero. I corfioti amano prendersela comoda. Vedrete la città svegliarsi lentamente, aprire le porte, le finestre, i locali e i negozi, l’aria ancora un po’ fresca e la luce che si insinua tra i palazzi. È anche un bel momento per visitare la Fortezza vecchia. Fare tutte quelle scale al sole del pomeriggio è sfiancante, mentre la mattina è davvero piacevole. Vi affiancheranno atleti che scalano di corsa l’intera fortezza come fosse la cosa più normale del mondo.

corfu vido barca yallapeena

 

6. Vedere atterrare gli aerei in aeroporto

L’aeroporto di Corfù è molto singolare, in quanto presenta un’unica rampa, che vale sia di lancio che di atterraggio, completamente in mezzo al mare. A pochi passi da lì, a Kanoni, c’è un bar con una grandissima terrazza dove è possibile osservare gli aerei che stanno decollando o quelli in arrivo davvero da vicino. Se venite con il traghetto e non avrete dunque modo di vederla, può essere ancor di più un’attività originale e interessante.

7. Vedere un tramonto dall’isola di Vido

Vido è un’isoletta che si trova proprio di fronte alla città di Corfù. Spesso i ragazzi del posto vanno a farci camping perché è ben attrezzata. C’è un ristorante, un bar, un monumento ai caduti serbi della prima guerra mondiale. E tanti conigli. C’è una popolazione numerosissima di conigli. E anche diversi esemplari di faraone. E vivono tutti liberi per l’isola.

corfu vido barca yallapeena

8. Vedere gli yacht al porto vecchio

Sotto la Spianada (chiamata anche Platìa), la piazza più grande di Corfù, accanto alla scuola di canotaggio del Naok c’è un piccolo porto, dove ormeggiano tantissimi yacht. Per chi è appassionato o semplicemente incuriosito può essere carino scendere giù a vedere quanti ce ne sono (e di che misure!). Magari potrebbe capitarvi di essere invitati a bordo!

 

 

Se vi va di avere un ricordo in più sulla vostra prossima visita a Corfù, potete scaricare gratis il Diario di Viaggio che vi abbiamo preparato! 🙂 Guardate un po’ qui!

Un pensiero su “8 Cose da fare a Corfù (che i turisti non fanno)

  1. Complimenti ragazzi..l’idea è geniale..
    E bello ..perché sembra alla portata di chiunque ha voglia di viaggiare ..con pochi mezzi ma assetati di scoperte insolite…in posti turistici..oramai secolari..???

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *